cheap female viagra pills female viagra great les effets secondaires de viagra libresource viagra shop online Stampa questa pagina
29
Giugno

Scuola, si lavora per il ritorno tra i banchi a Settembre

Scritto da 
Pubblicato in Attualità

Si lavora anche a Sciacca in vista della riapertura delle scuole, fissata ufficialmente per il 14 settembre.

L’assessore comunale al ramo, Roberto Lo Cicero, sta effettuando in questi giorni un sopralluogo presso gli istituti cittadini, per valutare in che modo adeguare gli ambienti scuolastici alle misure anti-covid.

 

Scade il prossimo 3 luglio, infatti, un apposito bando nazionale che mette a disposizione finanziamenti per interventi di adattamento funzionale degli spazi e delle aule didattiche per il contenimento del contagio.

 

Sono ammissibili le spese relative a: lavori di adeguamento; forniture di arredi e attrezzature scolastiche; incentivi e spese tecniche.

 

Intanto oggi, l'assessore regionale all'Istruzione e alla formazione professionale, Roberto Lagalla, ha partecipato, in videoconferenza, alla Conferenza unificata Stato-Regioni, alla presenza dei ministri degli Affari regionali, Francesco Boccia, della Salute, Roberto Speranza, e dell'Istruzione, Lucia Azzolina.

 

Nel corso dell'incontro sono state approvate le linee guida nazionali, il cosiddetto Piano Scuola 2020-2021, per come modificate su proposta delle Regioni. «Il testo licenziato oggi dalla Conferenza risulta più completo ed equilibrato rispetto a quello originariamente proposto dal governo - dichiara l'assessore Lagalla - e, per quanto riguarda la Sicilia, rappresenterà il fondamentale punto di riferimento per le decisioni che dovranno essere assunte entro il 10 luglio. Il risultato odierno è da considerare particolarmente rilevante per effetto delle ulteriori risorse, pari a un miliardo, reperite anche per il reclutamento di nuova docenza e personale scolastico, nonché per le misure adottate in materia di distanziamento che prevedono separazioni interpersonali più compatibili con un più largo uso delle strutture scolastiche esistenti e disponibili.

 

Infine – conclude Lagalla - piace segnalare l'attenzione che la Conferenza ha riservato, anche su espressa proposta della Regione Siciliana, al tema dei trasporti che dovranno essere localmente potenziati per favorire la mobilità degli studenti in fasce orarie diverse, con evidente esigenza di maggiori risorse».

 

Ma vediamo quali sono le novità introdotte nella nuova bozza di linee guida del 'Piano scuola 2020-2021. In primis è stato previsto un "cruscotto informativo” che sarà reso disponibile alla consultazione, in grado anche di segnalare, rispetto all'edilizia scolastica, le criticità strutturali. Introdotta, anche, una cabina di regia Covid-19 tra regioni ed enti locali per consentire un "coordinamento nazionale delle azioni su tutto il territorio" e un "monitoraggio" per valutare ogni possibile intervento.

 

Per quanto riguarda il distanziamento fisico si continua a parlare di un metro di distanza tra “rime buccali”, che in burocratese vuol dire che tra la bocca di uno studente e l’altro deve esserci un metro di distanza. Questione che si scontra con la grandezza delle aule ed il numero degli alunni: il tutto resterà al vaglio delle singole istituzioni scolastiche, a cui rimarrà una certa autonomia.

 

 

 

Tra le linee guida, compare ancora la possibilità di valutare a ridosso della ripresa scolastica, la necessità dell'obbligo di mascherina per gli studenti, così come continua ad essere contemplata la possibilità di prevedere turni differenziati e lezioni anche di sabato.

 

Nelle scuole secondarie di II grado, poi, a differenza, della precedente bozza, la didattica digitale integrata viene considerata come opzione in seconda battuta a quella in presenza ossia "in via complementare". Niente divisori in plexiglass, invece, la ministra Lucia Azzolina ha dichiarato che l’ipotesi di installarli tra i banchi era solo una bufala.

 

In tutti i casi, ad oggi, si parla ancora soltanto di linee guida che ancora devono essere ufficializzate entro la prima metà di luglio. Insegnanti, personale scolastico, studenti e famiglie ne sapranno di più nei prossimi giorni.

 

Letto 306 volte Ultima modifica il Lunedì, 29 Giugno 2020 14:14

Video