pays viagra sans ordonnance similares de viagra cialis versus viagra cost cheap cz link viagra viagra9 acheter viagra en ligne pas cher viagra en diabeticos Stampa questa pagina
17
Luglio

Fisco e imprese, Cna presenta rapporto 2018

Scritto da 
Pubblicato in Attualità

“Comune che vai fisco che trovi”.

Realizzato dall’Osservatorio permanente sulla tassazione delle piccole e medie imprese, la Cna ha presentato il rapporto che esamina la dinamica e le differenze del Total tax rate sulle imprese artigiane. La tassazione complessiva è ulteriormente aumentata, sia pure di poco, rispetto al 2017 e si conferma fra le più alte d’Europa. In Sicilia la città più virtuosa dal punto di fiscale, con un total tax rate del 59.9%, è Trapani, leader anche nella graduatoria del Tax free day, vale a dire il giorno dell’anno nel quale l’imprenditore smette di lavorare per l’ingombrante socio fiscale e comincia a lavorare per sé e per la sua famiglia. A Trapani il semaforo verde scatta il  6 agosto: necessitano 219 giorni di lavoro per pagare i tributi e i restanti 146 giorni per i consumi familiari. Ben peggiore la situazione nel resto dell'isola, con Agrigento sesta tra le nove province dell'isola. In questo caso la percentuale della pressione fiscale si attesta al 64,2%, mentre il Tax free day scatta soltanto il 21 agosto: 131 giorni per consumi familiari 234 giorni per pagare i tributi. “La Cna – affermano i vertici regionali, il presidente Nello Battiato e il segretario Piero Giglione –  su questo tema è fortemente impegnata nei confronti delle istituzioni per rappresentare quelle che sono le reali esigenze di chi produce e lavora. Abbiamo la più alta pressione fiscale in Europa: quasi il 60%, mentre l'altro grande problema è la burocrazia. Cna che propone degli interventi mirati per arrivare a realizzare un abbassamento del carico fiscale che rappresenta oggi l’ostacolo principale per lo  sviluppo e la crescita delle imprese, a cominciare dall’aumento della franchigia Irap. A fare l’effettiva differenza sarebbe l’introduzione  della totale deducibilità dell’Imu sui beni strumentali delle imprese: capannoni, laboratori, negozi. . Oltre alla riduzione della pressione – concludono Battiato e Giglione – va garantita una maggiore equità nel prelievo tra i diversi redditi da lavoro”.

 



Letto 276 volte