i want to order viagra online les avis sur le viagra viagra store in lahore rx site 24 buy cheap viagra products generic viagra pills to buy in usa best place to purchase generic viagra Stampa questa pagina
16
Marzo

Biometano, Bono e Milioti chiedono chiarezza

Scritto da 
Pubblicato in Attualità

Francesca Valenti non può continuare a cadere dalle nuvole perché è incomprensibile e inverosimile che un sindaco non sia mai al corrente delle cose più serie ed importanti che accadono nella nostra città.

Lo sostengono i consiglieri Bono e Milioti in relazione alla vicenda dell’impianto biometano in contrada Piana Scunchipani, ma soprattutto all’atto d’accusa dell’imprenditore Moncada.

 

Non è passato inosservato il passaggio in cui Moncada fa riferimento al progetto di un inceneritore che interesserebbe il territorio e che verrebbe portato avanti da una delle società partecipate del Comune di Sciacca. “Non mi risulta, ma farò i necessari approfondimenti”, ha dichiarato ieri al nostro telegiornale il sindaco Valenti, ma per i consiglieri Bono e Milioti la vicenda è grave e non può essere liquidata con una dichiarazione. Al contrario, i due consiglieri pretendono chiarezza su cosa sta accadendo, di quale partecipata si sta parlando e se esiste davvero un altro progetto che potrebbe danneggiare il territorio. Consiglieri che poi ribadiscono la netta contrarietà a qualsiasi iniziativa del genere, che provenga dalla società Moncada o da qualsiasi altra società, anche partecipata.

 

Il nostro, dicono, è un territorio che deve conoscere lo sviluppo grazie alle sue risorse naturali e non con l'insediamento di impianti che potrebbero danneggiarlo e inquinarlo. Detto ciò, Bono e Milioti ritengono che l’amministrazione comunale abbia dimostrato finora pressappochismo e scarsa competenza. Il Comune, sostengono, è legittimato a impugnare atti che autorizzano lo svolgimento di questo tipo di attività, ma il sindaco , al netto di riunioni e nomine, non lo ha ancora fatto, così come un errore, per i due consiglieri, è stato anche quello di tenere nell’aula consiliare una riunione aperta a residenti di contrada Scunchipani, comitati e movimenti, senza avere invitato a presenziare il Libero Consorzio di Agrigento, ente tramite il quale sono passate diverse autorizzazioni.

 

 

 

 

 

Letto 519 volte Ultima modifica il Sabato, 16 Marzo 2019 15:30

Video