Stampa questa pagina
23
Aprile

Rifiuti elettrici ed elettronici, piano della Regione per il riutilizzo

Scritto da 
Pubblicato in Attualità

 

Il governo Musumeci dichiara guerra ai rifiuti elettrici ed elettronici.

Monitor, tv, lavatrici, computer, sono tutti apparecchi che in Sicilia difficilmente riescono a essere intercettati. L’Isola è ultima in Italia per recupero di questi beni che talvolta finiscono pure in discariche abusive. Eppure, se ben riciclati, è possibile ricavarne anche il 90% di materiale da riutilizzare, con un rilevante risparmio energetico rispetto all’estrazione di nuove materie prime. 

 

Per questo l’assessore regionale all’Energia e servizi di pubblica utilità, Alberto Pierobon ha predisposto un piano per favorire la riparazione e il ricondizionamento, e di conseguenza stimolare occupazione e ricavi. Gli apparecchi elettrici ed elettronici, ossia grande elettrodomestici ma anche piccoli strumenti come le chiavette usb quando non funzionano più e non sono riparabili, diventano rifiuti .
L'assessorato ha chiesto un parere al ministero dell’Ambiente che ha confermato la possibilità di mettere in moto un circuito virtuoso che agevola chi ritira gli apparecchi, li ripara o ricondiziona e infine li reimmette sul mercato, evitando che diventino rifiuti. 

 

Adesso l’assessorato emanerà delle indicazioni che andranno a regolamentare meglio il settore, con benefici per l’ambiente.. Secondo i dati recentemente diffusi, in Sicilia nel 2018 sono state recuperate 14.540 tonnellate di rifiuti, contro le 13.396 del 2017. L’aumento registrato non è servito però a schiodare la Sicilia dall’ultimo posto tra le regioni italiane per materiali elettrici recuperati.   E nell’ambito della regione, la provincia di Agrigento è quella con le percentuali più basse, superata unicamente da Caltanissetta.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Letto 167 volte Ultima modifica il Martedì, 23 Aprile 2019 14:16

Video