china viagra manufacturer comprar viagra farmacia viagra price america vente viagra au maroc viagra sales in johannesburg Stampa questa pagina
25
Luglio

Erosione della costa. Disponibili 31 milioni di euro

Scritto da 
Pubblicato in Attualità

Finanziamenti in arrivo per frenare lo sgretolamento delle coste siciliane. La Regione ha messo a disposizione dei comuni 31 milioni di euro per realizzare le opere di difesa delle coste dall’effetto dell’erosione.

Gli Enti Locali siciliani ( e quindi anche il Comune di Sciacca ) hanno adesso 90 giorni di tempo per presentare le loro richieste. Il finanziamento è disponibile dal Programma operativo Fesr 2014-2020 «Interventi di messa in sicurezza e per l’aumento della resilienza dei territori più esposti a rischio idrogeologico e di erosione costiera». Sono ammissibili al contributo finanziario le operazioni strutturali di mitigazione del rischio geomorfologico, idraulico e di erosione costiera inserite nel Repertorio Nazionale degli interventi per la difesa del suolo. “La dotazione finanziaria – come si legge nel Giornale di Sicilia - è pari a 155 milioni di euro, di cui 31 milioni destinati alle operazioni finalizzate alla mitigazione del rischio di erosione costiera. Il contributo finanziario in conto capitale viene concesso fino al 100% dei costi totali ammissibili dell’operazione, determinati in applicazione delle pertinenti disposizioni comunitarie, anche in materia di progetti generatori di entrata. Nell’Agrigentino, su 16 chilometri di costa (che va dal Caos a Punta bianca) ben sette, infatti, sono afflitti dall’erosione; ovvero il 43,75%”. Quello dell'erosione della costa non è affatto un fenomeno da sottovalutare. Il processo va fermato il prima possibile per evitare che tra qualche anno crollino strade e forse anche case, oltre a cancellare completamente alcune spiagge. A lanciare l'allarme è l'associazione Mareamico, che ha portato avanti diversi studi a tal riguardo, dai quali è emerso che l'erosione della costa agrigentina ha assunto proporzioni molto gravi, favorita dalla noncuranza delle istituzioni. “In molti arenili – dichiara Claudio Lombardo presidente dell'associazione ambientalista - c'è il divieto di balneazione per il rischio di crolli.” Tra le maggiori cause dell'erosione costiera – spiega – troviamo l'innalzamento delle acque del mare provocata dal surriscaldamento del pianeta e l'eccessiva cementificazione nei letti dei fiumi che riduce l'apporto detritico dei corsi d'acqua.

 

Letto 3106 volte Ultima modifica il Martedì, 25 Luglio 2017 14:10

Video